Questa mattina passeggiando in bici per la strada parco non ho potuto che soffermarmi di fronte a questa realtà, inchinarmi sia al disabile … che al suo padrone e dirgli grazie ad entrambi per l’insegnamento che mi hanno e ci hanno dato … quanto abbiamo da imparare da loro … ecco questa è l’essenza pura dei miei pensieri quotidiani ” ESSERE ” e non ” APPARIRE ” …. essere sempre sè stessi aldilà di tutto e di tutti, aldilà del dolore e della disabilità, adilà di ogni aldilà … vivendo semplicemente per ciò che si è, per ciò che il buon Dio ci dà e soprattutto con la dignità di chi vuol vivere semplicemente la propria vita, la dignità e la volontà di vivere aldilà di ogni aldilà, aldilà della disabilità.
ღ [ P.D.V. ] ღ

Lascia un commento